loader
  • L'ischemia e l'infarto cerebrale quando non sono mortali possono lasciare disfunzioni neurologiche centrali di gravità variabile in base al danno funzionale che il cervello ha subito per l'interruzione del flusso d'ossigeno e al momento della riperfusione dei tessuti. Il danno da riperfusione, com'è noto, ha una componente molto legata allo stress ossidativo pertanto sono continuamente in atto ricerche che studiano l'azione protettiva di vari antiossidanti naturali. Un estratto standardizzato di melograno è stato testato su quattro gruppi di ratti albini adulti: il primo era un gruppo-controllo chirurgico, il secondo gruppo ha subito l'intervento di ischemia/riperfusione, il terzo e il quarto sono stati trattati con l'estratto (rispettivamente 250 e 500 mg per 15 giorni) prima di sottoporli a ischemia/riperfusione. Rispetto al gruppo placebo nel cervello dei ratti pre-trattati con estratto di melograno diminuiscono i livelli di malondialdeide e nitrossido (due indici di stress ossidativo) e aumenta l'attività di enzimi antiossidanti come glutatione perossidasi, superossido dismutasi e glutatione reduttasi. L'estratto riduce le concentrazioni cerebrali di NFkB p65, TNF-alfa, caspasi-3 aumenta quelle di IL-10 e ATP e contrasta il danno al DNA (effetto dimostrato con comet assay). Gli estratti di melograno, quindi, potrebbero avere un'azione neuroprotettiva dose-dipendente contro il danno da riperfusione grazie a meccanismi anti-ossidanti, anti-apoptotici, anti-infiammatori e metabolici (ripristino dell'ATP). Ahmed MA, El Morsy EM, Ahmed AA (2014)“Pomegranate extract protects against cerebral ischemia/reperfusion injury and preserves brain DNA integrity in rats”. Life Sci 2014; 110(2): 61-9 TORNA ALLE NEWS