loader
  • MELON–UP®

    15-06-2009

     La Nutraceutica è lieta di presentare al mercato dell’integrazione : MELON–UP® estratto da cocomero (Citrullus lanatus) titolato al 10% in L-citrullina.
    MELON –UP ® grazie al suo contenuto in L-citrullina, può migliorare la prestazione sessuale, favorendo il rilascio di NO ad opera delle cellule endoteliali in seno alla muscolatura liscia del corpo cavernoso, in seguito ad una stimolazione sessuale.

    Il cocomero, da sempre, è il frutto simbolo dell'estate, grazie al suo elevato contenuto di acqua (oltre il 95%), che conferisce al frutto una notevole capacità dissetante e una buona azione diuretica. Nonostante il suo gusto dolce, l'anguria è dotata di un basso contenuto di zuccheri (solo il 4%) ed è annoverata tra i frutti con meno calorie, basti pensare che 100 grammi ne forniscono appena 16.  

    Il cocomero è l'ortaggio che, compare sulle nostre tavole nel momento più opportuno: d'estate, quando il caldo richiede al nostro organismo un maggior consumo di liquidi e di minerali.

    Il cocomero (nome botanico Citrullus lanatus), appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee. La polpa del  cocomero è rossa, per la presenza di preziosi carotenoidi, licopene e beta-carotene,  ottimi antiossidanti, in grado di ostacolare l'azione dei  radicali liberi presenti nel nostro organismo.  

    In Africa, per le popolazioni che abitano le zone desertiche, il cocomero è una importante risorsa idrico-alimentare, in quanto contiene grandi quantità di acqua, ma anche interessanti quantità di vitamina A, vitamina C e potassio.  

    La contemporanea presenza in questo vegetale di potassio e di vitamina C determina una sinergia ottimale da un punto di vista depurativo e detossificante, donando all'anguria proprietà dissetanti e diuretiche. Pertanto, il cocomero può essere utile nei casi di ritenzione di liquidi, gonfiori alle gambe, ipertensione e cellulite.

     L'anguria la principale fonte vegetale di citrullina 

    Il cocomero, o, anguria è anche, una riichhissima fonte naturale di  citrullina, un aminoacido utilizzato dal corpo umano per produrre l'arginina, un altro aminoacido, essenziale nella moltiplicazione cellulare e nella rimozione di ammoniaca dal nostro organismo. La citrullina viene metabolizzata ad Arginina, il substrato dell'azoto usato nella sintesi dell' NO. Un  test condotto su alcuni volontari, ha dimostrato che il consumo di succo di anguria concentrato, può incrementare il livello di arginina nel sangue. Attraverso questo studio, gli autori della ricerca, hanno dimostrato che la citrullina contenuta nell'anguria è altamente biodisponibile. Ad un campione di 23 volontari (che seguivano un regime alimentare controllato),  sono stati forniti (casualmente) 0, 780 oppure 1560g di succo di melone al giorno per 3 settimane. Le dosi scelte corrispondono ad un apporto di 1 e 2 g di citrullina. Il periodo di trattamento è stato preceduto da un periodi di washout della durata di 2 o 4 settimane. Dopo tre settimane,  l'arginina plasmatica era aumentata del 12% nel caso di dose da 780g, mentre nel caso della dose maggiore, l'arginina e l'ornitina erano aumentate mediamente del 20% e del 18%. Le concentrazioni di citrullina erano rimaste stabili. L'incremento nelle concentrazioni di arginina e di ornitina, mentre la citrullina rimane stabile, documenta come la citrullina contenuta nell'anguria, sia assimilata dal corpo umano e poi  efficacemente convertita in arginina. (Collins, J.K., Wu, G., Perkins Veazie, P.M., Spears, K., Claypool, P.L., Baker, R.A., Clevidence, B.A. 2007. Watermelon consumption increases plasma arginine concentrations in adults. Nutrition. 23:261-266.)

    La citrullina

    La citrullina (C6H13N3O3) è un alfa-aminoacido non essenziale.  La citrullina o acido α-ammino-δ-ureido-valerianicosi ottiene per idrolisi acida dell'arginina. La citrullina non entra nella costituzione delle proteine animali e vegetali, ma ha notevole importanza biochimica essendo un prodotto intermedio del ciclo metabolico che conduce alla sintesi dell'urea (ciclo di Krebs-Henseleit). Nell'ambito di tale ciclo la citrullina si forma dalla reazione tra L-ornitina e carbamil-fosfato, trasformandosi successivamente in L-arginina mediante condensazione con acido aspartico. Quest'ultimo passaggio metabolico è caratterizzato dall'enzima arginin-succinico-sintetasi, la cui carenza nei tessuti determina un forte aumento della concentrazione ematica e dell'escrezione urinaria di citrullina. Ciò avviene in una grave malattia metabolica, la citrullinuria, caratterizzata da ridotto sviluppo somatico, deficienza mentale, atrofia cerebrale, ecc.

     La citrullina è presente in alte quantità nel fegato. Nei mitocondri,  l'ammonio si combina con CO2 e ornitina per formare la citrullina. La citrullina è poi trasportata fuori  dai mitocondri nel citoplasma, dove avviene la conversione in arginina. Ecco perché la citrullina è essenziale per il processo di detossificazione delle cellule, in quanto rimuove l'ammonio che si forma nelle cellule epatiche e muscolari. La citrullina è un aminoacido non essenziale e gioca un ruolo chiave nel mantenimento dell'equilibrio biochimico dell'ossido nitrico (NO) e di alcuni processi metabolici. La dose ottimale di integratori di L-citrullina è da 200 a 1000 mg. al giorno.

    La citrullina fondamentale per  il rilascio di NO

     La citrullina permette di mantenere livelli ematici di arginina elevati, e quindi un aumento, nel lungo termine, del rilascio di NO, con un coseguente miglioramento della performance aerobica e un minor affaticamento durante l'attività fisica connesso all'aumento dell'ATP.

    L'ossido nitrico è una delle più importanti molecole del corpo. L'ossido nitrico ha un effetto vaso-dilatante, importantissimo per la vascolarizzazione del cervello, del cuore e di altri organi del corpo umano. L'ossido nitrico dilata le arterie coronarie e migliora il flusso sanguigno al cuore.

    L'ossido nitrico può rilassare le vene, ridurre la pressione del sangue, abbassare il rischio di avere un attacco di cuore o un ictus. La connessione citrullina-arginina, quindi, fornisce all'organismo un adeguato supporto per il mantenimento della salute del cuore, e dell'efficienza del sistema immunitario.

    Il rilascio di ossido nitrico rilassa i vasi sanguigni e aumenta il flusso sanguigno, un effetto simile a quello prodotto dal Viagra, in caso di disfunzione erettile.

     

    La Citrullina favorisce le prestazioni sessuali

     Il rilascio dell'NO favorisce anche le prestazioni sessuali nell'uomo. I livelli corretti di NO possono giocare un ruolo nella prevenzione  delle complicazioni nelle disfunzioni dell'erezione. Le attuali conoscenze indicano che, il rilasciamento della muscolatura liscia dei corpi cavernosi, necessario per l'erezione è dovuto ad un meccanismo non adrenergico, non colinergico mediato dall'ossido nitrico (NO), labile neurotrasmettitore, detto anche fattore rilasciante. In risposta alla stimolazione sessuale, il sistema nervoso parasimpatico, rilascia  l'ossido nitrico, che consente  il rilassamento della muscolatura liscia delle pareti delle arterie del pene, con un aumento del flusso sanguigno nel tessuto spugnoso dei corpi cavernosi. Dopo la diffusione alle cellule muscolari lisce dei corpi cavernosi, l'NO stimola l'enzima citosolico guanilato ciclasi a produrre un secondo messaggero, la guanosina monofosfato3 ciclica (cGMP), che nello specifico produce la riduzione del Ca intracellulare e rilassamento muscolatura liscia dei corpi cavernosi nelle arterie elicine. Il GMPc viene metabolizzato dalle fosfodiesterasi che ne interrompono l'attività.

     I nucleotidi ciclici quali il cGMP, sono idrolizzati dagli isoenzimi nucleotidi ciclici fosfodiesterasi (PDE), localizzati in vari tessuti. (Lugnier C, Komas N. Modulation of vascular cyclic nucleotide phosphodiesterases by cyclic GMP: role of vasodilatation. Eur Heart J. 1993; 14 (suppl 1):141-148).

     Nei corpi cavernosi dell'uomo, il PDE - cGMP specifico - tipo 5 (PDE5) è l'isoenzima predominante. (Boolell M, Gepi-Attee S, Gingell JC, Allen MJ. Sildenafil, a novel effective therapy for male erectile dysfunction. Br J Urol. 1996; 78:257-261).

    Il Viagra è un inibitore della  fosfodiesterasi  (PDE5), per questo viene definito organo specifico, mentre, spiegano i ricercatori del Texas A&M University's Fruit and Vegetable Improvement Centre, il cocomero e la citrullina in esso contenuta, non forniscono questo effetto,  ma, amplifica la produzione di ossido nitrico rilassando i vasi sanguigni.

    Sono diversi gli studi che appunto documentano che il meccanismo dell'NO/cGMP gioca il ruolo principale nel rilasciamento della muscolatura liscia del corpo cavernoso e nell'erezione del pene, ( Kim N, Azadzoi KM, Goldstein 1, Saenz de Tejada LA nitric oxide-like factor mediates nonadrenergic-noncholinergic neurogenic relaxation of penile corpus cavernosum smooth muscle. J Clin Invest 1991; 88:112-118), l'esatto meccanismo del rilasciamento della muscolatura liscia del pene, provocato dalla formazione di cGMP indotta dall'NO, deve ancora essere spiegato, come anche il ruolo di altri neuropeptidi, quali il peptide intestinale vasoattivo.

    TORNA ALLE NEWS